Natural Skin

Descrizione Progetto:

Designer:
Arch. Gentili

Un edificio sulle colline bolognesi

La struttura di non grandi dimensioni si trova in una delle zone più belle di Bologna, affacciata sui colli e rivolta al panorama della città e di tutti gli affascinanti paesini che sorgono indisturbati sulla via Emilia. Di fronte a un ambiente naturale così bello ma anche così prepotentemente imponente, l’inevitabile scelta è stata quella di preservare il più possibile la spontaneità del contesto, inserendo la struttura in una vegetazione quasi selvaggia e una pendenza che avrebbe di certo richiesto una progettazione particolarmente accurata. Diversi interventi in diversi anni hanno modificato l’impatto del volume fino all’ultimo del 1991, nell’idea di un’opera quasi incompiuta, aperta al possibile futuro e a tutte le possibili evoluzioni. Il sistema costruttivo utilizzato è stato quello canadese detto “Ballow frames” con scandole in cedro per i tamponamenti esterni, tale sistema, oltre a garantire costi contenuti, ha permesso la naturale integrazione con la natura nel rispetto totale dell’ambiente. La stessa operazione di costruzione ha richiesto solo quarantacinque giorni effettivi per il completamento dell’edificio considerando anche i tamponamenti interni ed esterni in legno e la posa di strati isolanti differenziati interposti. Tutto il materiale per la realizzazione è stato direttamente importato dall’America del Nord integrato dalla presenza di ferro, legno e vetro. Il tetto dalla forma appuntita segue l’andamento della natura nelle previsioni di copiose nevicate invernali; al contempo, all’interno l’uso del vetro diventa elemento per godere del paesaggio sia in inverno che durante la stagione estiva. La seconda realizzazione, quella del 1987, aveva già previsto l’inserimento del legno mentre quella del 1990/1991 ha comportato, grazie e un grande terrazzo a ponte di forma irregolare e dotato di struttura in ferro e pavimento in legno, il collegamento tra il nucleo principale dell’abitazione e un nuovo piccolo edificio su due piani destinato ad atelier e a molteplici attività ricreative di tutta la famiglia. Si tratta di un vero e proprio legame con l’esterno che diventa imprescindibile dalla propria quotidianità. Un ulteriore intervento ha previsto l’ampliamento della cucina con l’utilizzo di materiali estremamente naturali come la muratura in poroton ecologico, la pietra lunare, il marmo. Proprio sulla copertura esterna della cucina è previsto un giardino pensile ecosistemico per una innovazione radicale anche dal punto di vista energetico.

Intervento: Nuova costruzione residenza unifamiliare

Luogo: Montecalvo – Pianoro (BO)

Progettisti: Manuela Caldi, Antonio Gentili

Commitente: Privato

Anno di redazione del progetto: 1982 – 2002

Anno di esecuzione: 1982 – 2002

Fornitori: Tegola Canadese, Bacardi vetro

Dati dimensionali dell’intervento: 190 mq

Caratteristiche tecniche particolari: Edificio originario in legno, ampliamento in struttura mista legno-muratura

Foto: Vito Corvasce

BiologicalHouse